NATURA PAESAGGI

Parco dossi comuni: locus amoenus di tutti gli amanti della natura

parco-Dossi Comuni

18757,18753

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Tra lunghi viali alberati, amache sospese e confortevoli panchine immerse nel verde, il parco “Dossi Comuni” costituisce uno dei polmoni verdi più estesi del comune di Lamezia Terme. L’ampia superficie verdicante, rimessa a nuovo nel 2015, rappresenta la meta perfetta per prendere una boccata d’aria fresca fuori dalla caotica zona commerciale.

Una verde oasi di pace

Nel secolo dei disastri ambientali, del surriscaldamento globale e della distruzione delle foreste, ritrovare una profonda comunione con la natura non può che essere auspicabile. E allora perché non recuperare questo rapporto con l’ambiente nella lussureggiante bellezza che ci circonda?
A pochi chilometri dal pulsante centro cittadino sorge una rigogliosa riserva denominata “Dossi Comuni”. L’oasi prende il nome dalla località al confine tra Lamezia Terme e l’attiguo comune di Feroleto Antico. Questa è composta da due sezioni, separate dalla strada provinciale, che collegano i due comuni confinanti.

parco-albero intagliato

Un albero intagliato all’interno del giardino botanico

A perdita d’occhio, nella parte superiore del parco, un’area boschiva di 60 ettari, caratterizzata prevalentemente da alberi di pino. Nella parte sottostante, invece, 9 ettari di orto botanico realizzato nel 1972 dall’agronomo forestale A. Garcea. Dopo anni di incuria, a partire dal 2015, il giardino è ritornato a splendere grazie all’azione dell’Associazione Temporanea di Scopo “A. Ge. PA” (Associazione Gestione Parchi).

La variegata vegetazione del parco

Sia che si prediliga l’autunno, quando i colori del foliage creano una calda tavolozza di tonalità rosse e dorate, o la primavera con le sue nuance che vanno dal verde brillante al rosa tenue, ogni stagione è perfetta per visitare il parco. Un motivo in più per farlo è indubbiamente la variopinta vegetazione presente al suo interno. La riserva, infatti, ospita più di mille piante differenti tra arbustive, arboree ed erbacee, tutte appartenenti alla vegetazione mediterranea.

parco-specie botanica

Una delle tante specie botaniche presenti nell’orto

Il protagonista indiscusso del parco è il pino, simbolo di immortalità e inflessibilità per via del suo tronco alto e dritto. Percorrendo gli ombreggiati viali del giardino, poi si incontrano differenti settori dedicati alle piante aromatiche e medicinali, alle succulente, alle cicadee e agli alberi da frutta.
Estimatori della botanica e occhi curiosi potranno far visita al Museo Botanico situato all’interno dell’orto. L’edificio si compone di un erbario, di una xiloteca e di una ampia e polimorfa collezione di frutti e semi, tutti cartellinati.

A Sorvolandia attività per tutti i gusti

Una porzione di pineta è occupata dal parco avventura “Sorvolandia”. Il progetto, attivo da giugno 2016, è stato realizzato dall’associazione sportiva Accademia Arti Marziali Lamezia, con l’installazione di percorsi acrobatici forestali tra gli alberi della pineta. Qui, tra piattaforme a mezz’aria e ponti tibetani e tirolesi, temerari giovani e meno giovani potranno mettere alla prova forza ed equilibrio.

parco-percorso acrobatico

Uno dei percorsi del parco avventura

Sono presenti anche differenti percorsi di trekking, lunghi da 1 a 2,8 chilometri. Una camminata che delizierà la vista, con il vivace verde degli oleandri, e l’olfatto, con il delicato profumo dei ciclamini. Durante il tragitto si incontreranno fontane, un piccolo anfiteatro in pietra ed un’aula verde, sede di laboratori e percorsi didattici a tema ambientale. Oltre agli spazi forniti di apposita strumentazione per fare ricerca sul mondo della botanica, i più piccoli potranno divertirsi con scivoli ed altalene.

parco-altalena

Una delle attrazioni per i più piccoli presenti nel parco

E se ci viene fame? All’interno del giardino botanico ci si può ristorare al chiosco munito di tutto il necessario per colmare sete ed appetito.

Meta delle scampagnate

Da buon italiano e, soprattutto, da buon meridionale, anche il lametino è un “cultore della scampagnata”. A Pasquetta e Ferragosto, che la tradizione vuole si trascorrano fuori porta con amici e parenti, ma anche nelle domeniche più calde, il parco “Dossi Comuni” diventa il luogo perfetto in cui passare una piacevole giornata all’insegna del buon cibo e del divertimento.

parco-lago

Il lago all’interno del parco

E se tra una fetta di carne alla griglia e un bicchiere di buon vino ci si sente un po’ appesantiti, allora si può decidere di incamminarsi verso il laghetto.  Questo, quasi per magia, compare addentrandosi tra la vegetazione del parco.

Parco dossi comuni: locus amoenus di tutti gli amanti della natura ultima modifica: 2019-01-11T08:30:18+01:00 da Martina Falvo

Commenti

To Top