I LAMETINI RACCONTANO LAMEZIA TERME

itLameziaTerme

ARTE CHIESE

L’Annunziata tra arte sacra, stile gotico e richiami arabi

Interno Della Chiesetta Dellannunziata

La chiesetta dell’Annunziata a Sambiase è un gioiellino di architettura religiosa che si erge fiera di fronte la chiesa dell’Immacolata. Quasi come guardiani, i due luoghi di culto sono lì a difesa della città. Interessante la storia dell’Annunziata per la sua composizione stilistica e per il resoconto storico giunto ai giorni nostri.

La chiesetta dell’Annunziata: la storia

Da documenti rinvenuti nell’archivio comunale, come si legge nel testo di Enrico Borrello “Sambiase”, la chiesetta esisteva già nel 1601. Era intitolata a San Giovanni ed era presente, al suo interno, la congregazione omonima. Quando i confratelli riuscirono a edificare una cappella nella Chiesa Matrice, la chiesetta prese il nome che ancora oggi conosciamo. Era, infatti, presente un’altra congregazione quella dell’Annunziata, fondata anch’essa nel 1601, che grazie al vescovo Ferdinando Confalone fu autorizzata a partire dal 25 maggio del 1662 a officiare i propri ministeri nella chiesa.

chiesetta annunziata e addolorata
L’Addolorata rivolta verso l’altare

Congregazione che comprendeva un prefetto, un assistente, quattro decani e quattro vicedecani. A capo di questi confratelli vi era il procuratore che era da loro eletto. Notizie riguardanti la confraternita e i beni della chiesetta dell’Annunziata sono state rinvenute nella “Platea della Chiesa di Maria sempre Vergine Annunziata” che era conservata negli archivi comunali. Al suo interno sono citate anche le statue dei Mistiari oggi custodite nell’antico luogo di culto.

Come si presenta l’antico luogo di culto

La chiesetta dell’Annunziata occupa un posto particolare nella conformazione urbanistica di Sambiase. È posta di fronte alla chiesa dell’Immacolata in un quadrivio di strade. Diverse le teorie sulla realizzazione delle stesse in questo luogo. Qualcuno ipotizza che sorgano sui resti delle porte della città. Ma questo non è ancora stato verificato concretamente.

chiesetta annunziata
La chiesetta dell’Annunziata nel cuore di Sambiase

Di fatto la chiesetta dell’Annunziata ha una forma architettonica molto particolare. Sfruttando la conformazione del luogo in cui è edificata ha una forma che si discosta notevolmente dalle più classiche strutture religiose. Entrando ci si trova di fronte ad una navata unica con volta a botte. Lo spazio è delimitato da un lato dal muro perimetrale dall’altro da due colonne che si affacciano su uno spazio aperto semicircolare.

Processione- statua dell'addolorata e del cristo morto
Le statue della processione dei Mistiari custodite nell’antico luogo di culto

Spazio che è sormontato da una copertura semisferica, decorata con intonaco a cassettoni. Lungo il perimetro è presente un coro ligneo intarsiato, su cui sedevano i confratelli che, incornicia un altare finemente arricchito di colonnine e smalti policromi.

Lo stile gotico con i richiami arabi

Anche esternamente la chiesetta presenta una suddivisione originale dei registri. Presenta uno stile gotico con richiami arabi. I due registri sono suddivisi orizzontalmente in tre parti con archetti ogivali che definiscono lo spazio. Molto probabilmente nelle arcate superiori erano raffigurate figure di santi. Ancora sono visibili tracce di colore. La facciata si chiude con un timpano ondulato decorato a scaglie. Sui lati due bifore cieche con archetti a sesto acuto.

Particolare Della Facciata
Un particolare dell’esterno della chiesetta – Foto Giovanni Mazzei

Anche il campanile della chiesa è originale. Ha un impianto triangolare. Forse la forma è l’esito di un sapiente uso degli spazi. All’interno della chiesa sono conservate le statue dei Mistiari. Sono statue processionali che vengono portate a spalla in giro per il quartiere il Venerdì Santo e raffigurano i momenti della Passione e morte di Cristo. Si possono poi ammirare due pregevoli dipinti realizzati da Edoardo Fiore che raffigurano Santa Lucia e Santa Filomena e L’annunciazione.

(Foto Gianna Maione e Giovanni Mazzei)

L’Annunziata tra arte sacra, stile gotico e richiami arabi ultima modifica: 2020-04-06T08:18:20+02:00 da Gianna Maione
To Top