I LAMETINI RACCONTANO LAMEZIA TERME

itLameziaTerme

COSA VEDERE CULTURA EDIFICI STORICI

Giornate FAI: riapre l’Abbazia Benedettina di Sant’Eufemia

Abbazia Copertina

L’Abbazia Benedettina di Lamezia Terme sta per riaprire al pubblico. Le visite, prenotabili online, rientrano nei cicli delle Giornate FAI all’aperto. L’appuntamento coi visitatori è fissato per il prossimo sabato 27 giugno. Le fasce orarie nelle quali sarà possibile passeggiare tra gli storici ruderi dell’Abbazia vanno dalle 17 alle 20. In città la curiosità e l’interesse serpeggiano perché da lungo tempo il sito è chiuso al pubblico.

Patrimonio Archeologico
I resti dell’Abbazia Benedettina di Sant’Eufemia a Lamezia

La riapertura dell’Abbazia Benedettina è l’ennesimo segnale che qualcosa a Lamezia Terme si sta muovendo. Il fronte culturale infatti torna a vivacizzarsi. Non a caso proprio in questi giorni si sta parlando anche della riapertura della Biblioteca comunale e del Museo archeologico lametino.

Cenni storici sull’Abbazia Benedettina

Poter visitare questi luoghi storici ha un valore non solo affettivo per i lametini, ma anche di grande carattere culturale. Si ricorda infatti che l’Abbazia fu il fulcro del culto della Chiesa di rito latino lungo tutto il Medioevo. Dalla fine del XIII secolo l’Ordine dei Cavalieri di Malta ne ebbe in mano la gestione. Fin dalla sua rifondazione normanna del 1062, l’Abbazia è stata legata alla devozione a Sant’Eufemia, la giovane martire di Calcedonia alla quale si deve il toponimo dell’intera area del golfo. Nel 1638 la costruzione cedette al sisma riducendosi a rudere. Diversi interventi di scavo e restauro hanno interessato il sito dal 2006 al 2014. Tant’è che grazie a questi lavori sono stati rinvenuti il pavimento in tarsie marmoree e i resti di affreschi parietali.

Visita all’Abbazia per le Giornate FAI all’aperto

L’iniziativa si inserisce nel ciclo delle visite dell’edizione speciale delle Giornate FAI all’aperto. L’invito al pubblico infatti è stato rivolto direttamente dal comune della città della piana e dalla delegazione di Catanzaro del FAI. I soggetti promotori sottolineano l’importanza di prender parte a queste iniziative, in quanto l’occasione di visitare gli splendidi resti di uno dei siti archeologici della Calabria meglio conservati e suggestivi è davvero ghiotta.

Luoghi Del Cuore Logo Fai

La prenotazione online e le norme di sicurezza

Le visite dovranno essere prenotate tramite i canali online. In sostanza, chi fosse interessato dovrà visitare la pagina ufficiale del FAI e prenotare la propria visita. In osservanza delle norme di sicurezza anti Covid-19, gli organizzatori chiederanno ai visitatori di indossare le mascherine. A tale dispositivo di sicurezza si aggiungerà il rispetto del distanziamento sociale. Inoltre, ci sarà una specifica registrazione in fase di ingresso, una contestuale igienizzazione delle mani e i gruppi saranno composti da un massimo di quindici persone alla volta.

Visita all’Abbazia con delle guide “speciali”

Le visite all’Abbazia Benedettina hanno rilevanza anche in virtù della collaborazione con la scuola e il servizio civile universale. Infatti, i visitatori saranno accompagnati tra le rovine dell’Abbazia da giovani “apprendisti ciceroni”.

Abbazia Benedettina Lamezia
Un’immagine del sito archeologico

Questi sono stati “reclutati” tra gli studenti del liceo classico “F. Fiorentino” e del liceo “T. Campanella”. Accanto a loro ci saranno i volontari del servizio civile universale che stanno attualmente prestando servizio proprio al comune della città della piana.

(Foto Comune Lamezia/FAI Catanzaro)

Giornate FAI: riapre l’Abbazia Benedettina di Sant’Eufemia ultima modifica: 2020-06-26T08:19:02+02:00 da Daniela Lucia
To Top