itLameziaTerme

CULTURA DIALETTO

Eranu i Matinati, a scuola di ironia con Salvatore Borelli

Orologio E Libro

Il poeta vernacolare Salvatore Borelli con la sua produzione letteraria è autore a metà tra storia e tradizione con una buona dose di ironia. Chissà cosa avrebbero detto, oggi, i nostri antenati di questa arguta saggezza popolare che oggi allieta il lockdown fisico e mentale del nostro tempo. La nostra cultura si nutre di poeti e narrazioni popolari. Oggi, guardando al bello che ci accomuna, vogliamo condividere con i nostri lettori, Eranu i Matinati di Salvatore Borelli, poeta sambiasino. In questo componimento ritroviamo il calore ed i colori del passato, l’ironia sottile calabrese, oltre che la testimonianza religiosa con un tocco di arte e di storia.

Salvatore Borelli

Salvatore Borelli (Sambiase 3 dicembre 1930 – 18 dicembre 2004), rappresenta uno degli ultimi cantastorie del suo tempo. Se pur intento nel suo mestiere di muratore, non abbandonò mai la sua passione per la musica ed il dialetto. Il poeta Borelli camminava per le vie dell’ex Comune di Sambiase, musicando con la sua chitarra la tradizione in vernacolo e favole di ogni genere.

Poeta cantastorie

Infatti fu ottimo suonatore di chitarra, ed era solito declamare antiche storie per le vie del suo paese. Alcuni poeti in vernacolo come Ciccio Scalise hanno dedicato al maestro Salvatore, omaggi poetici rimati, nella lingua dialettale. A Salvatore, il poeta Scalise dedica Maestru Burrialli, dicendo di lui: “va nnisciutu spuntaniu ogni scrittu, aviti ripurtatu c’umera ogni dittu; e ogni parola, ogni rrigu scrivutu, è statu pricisu cumu l’aviti sintutu”. E così il Maestro Ciccio Scalise esalta l’arte di Borelli ritraendolo come pittore della vita, capace di riportarne tutte le sue sfumature.

Salvatore Borelli Foto Ok
Salvatore Borelli

Eranu i Matinati

Cchi chjaranzzàna fhrìdda chi minàva e `n gìru màncu `n’ anima affruntàva. Éranu i matinàti ed ìu mi ricuglìa
ch’avia sunàtu ccu ll’ amici mia. Ma quandu a mmènzu `a villa hàju arrivàtu `nt’ `e vini tuttu u sàngu m’ha quagljàtu!
” Fhòrsi è `nu spìardu? – `mprìma hàju pinsàtu – O ancùnu marzziànu ch’ha calàtu? ” Vulìa scappàri…ma fhòrzza `un nd’avìa, chà `i gambi `nu mazzùni mi sintìa; guardava `n giro tuttu spavintàtu
ppìmmu m’addùgnu chini avia parràtu.


Ppi `un cadiri m’assiattu a `nu scalùni e cchjù ffòrti si sintìa `nu parrasùni. ‘Nu nsùartu `n’ àtru pocu mi pigljàva vidìandu a Fiurintìnu chi parràva. Era `ncazzàtu …’a capu muticàva, i baffi ccu Ili manu si lisciàva.
`Ccu cchìni pàrra `st’ òmu littiràtu? Si pàrra ssùlu, fhòrsi ha pazziàtu! `Nzzammài s’addùna d’ `a prisènza mia ndi sùgnu cèrtu cha mi ciamparia.”
Cchi vvista orrènda! `Na sfingi si vidìa, `nu scùagliu `nt’ `a timpèsta mi parìa; fhìci curàggiu e cchjànu m’abbicìnu
e ssìantu cha parràva sambiasinu.

Piazza Fiorentino Sambiase salvatore borelli
Piazza Fiorentino con il monumento al filosofo Francesco Fiorentino e la statua del Taumaturgo paolano

“Ha’ vìstu, Sa’ `Ranci, e cchi m’ha `mbattùtu? Cha chìllu sbrigugnàtu m’ha tingiùtu. Ad ùnu cumu Cìcciu Fhiurintìnu
l’hànu cunzzàtu cumu `n’abbissìnu! `Stu scèmu s’ha abbusàtu chà durmìa, chà s’era risbigliànti…’un mi tingia.
Chìsti su `mbriacùni stravacànti, offèndinu i fhilòsofi e lli Santi.” Mèntri lu Fiurintìnu cci parràva u Santu ccu Ila càpu mussiàva. Sdignàtu San Francìscu cci rispùndi: “Nzzammài `sto sciòccu avìa tingiùtu a mia,
`a càpu ccu `sto pàlu cci rumpia. È stàtu veramènti scrianzzàtu m’offèndi `n ùamu tantu littiràtu.


Cchi vùa Ndon Cìcciu mia, t’ ha’ rassignàri, i còsi pùanu pùru cambiari; ormài `sto mùndu è tròppu grussulànu,
vùanu pigliàri u cìalu ccu Ili mànu. Tu guard’a mia! `Unn è cha cùntu pàlli, vùanu tinùtu `a casa ccu lli spàlli.
Mi vèni gùla ppìmmu m’arrassèra, mu tutto llùacu `n terra cci cadèra.” Pùacu minùti sùlu si parraru
e ddòpu munumènti riturnàru. Ed ìu trimàva…e ll’ ùacchji avia di fhòra! E quando ‘ndi parràmu trìamu ancora!
Chìstu è `nu fhàttu vèru. Però `un ridi parràti…éranu i matinàti !

San Francesco di Paola e Francesco Fiorentino

Il poeta Borelli, nella poesia Eranu i Matinati celebra un nome, Francesco, e due uomini che hanno segnato la storia di Sambiase. Infatti, si chiamano Francesco, il santo patrono della Calabria e lo storico filosofo, Fiorentino. Ed è una simpatica conversazione che si instaura fra due capisaldi della tradizione umana e culturale di Sambiase e non solo. Sul far del giorno ( eranu i matinati, appunto!) i due illustri uomini commentano quanto accadeva proprio ai piedi delle loro statue. In quella piazza, centro nevralgico di incontri, i due Francesco ascoltano di tutto. ll linguaggio usato è originale: due personaggi dialogano nel vernacolo del luogo (sambiasino).

Il filosofo e il santo che parlano in vernacolo

In pratica le due statue si lamentano dell’inciviltà di quel mondo, dove non vi è più rispetto per niente e nessuno, neanche per due personalità autorevoli come le loro. Il dialogo sviluppato con un delicato mezzo metrico si rifà a due episodi realmente accaduti. Come è noto, negli anni ‘70 la statua di Francesco Fiorentino fu imbrattata con alcune bombolette spray, mentre la statua del santo fu spostata dal suo originario e situata con le spalle poggiate allo spigolo di una casa privata. Due episodi emblematici di un territorio che, purtroppo, non fa memoria e tesoro della sua storia. Meno male che a rispolverare il lustro del nostro passato ci pensano i poeti!

Eranu i Matinati, a scuola di ironia con Salvatore Borelli ultima modifica: 2021-04-19T08:48:51+02:00 da Luisa Vaccaro

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x