I LAMETINI RACCONTANO LAMEZIA TERME

itLameziaTerme

CIBO CUCINA TRADIZIONALE

Cucina tipica: pasta e fave, ricetta povera ma buona

Fave Pancetta E Pasta

Fave e tanta fantasia. Davvero con le fave si possono fare tante ricette, sia primi che secondi riscoprendo la cucina contadina che oggi è considerata tradizione culinaria da veri intenditori. Le fave sono legumi che hanno pochissime calorie e, un tempo, erano annoverate tra gli alimenti definiti ‘cibo dei poveri’ perché facilmente reperibili e perché costano poco.

Fave Tagliere
Le fave sono legumi che hanno pochissime calorie

La pianta delle fave è originaria dell’Asia Minore ma in Italia la loro produzione è largamente diffusa così come il loro impiego in numerose ricette made in Sud ed in particolare nei menu calabresi. Con le fave si può fare il classico primo arricchito dal guanciale e da una spolverata di pecorino profumato. Inoltre le fave si possono gustare da sole come piatto unico da assaporare col buon pane caldo casareccio. Dulcis in fundo c’è chi le preferisce crude come antipasto accompagnate sempre da una buona fetta di guanciale, magari di maialino nero, e con del buon pecorino, meglio se stagionato.

Fave E Pancetta Affumicata
Guanciale di maiale

Ad innaffiare il bucolico antipasto un buon rosso dei vitigni autoctoni che in Calabria certo non mancano. In pentola oggi ‘bolle’ la ricetta di un succulento primo: la pasta con le fave che è ormai entrata a far parte della cucina gourmet di tanti chef stellati, calabresi e non solo.

Pasta e fave, ingredienti per 6 persone

  • 600 g di spaghetti
  • 600 fave fresche (già sbucciate)
  • 150 g guanciale di maiale
  •  uno spicchio d’aglio e un cipollotto fresco
  •  olio extravergine d’oliva q.b.
  • una macinata di pepe nero
  • qualche fogliolina di basilico
  • pecorino grattugiato
  •  sale q.b.

Preparazione

Sbucciare le fave e metterle a cuocere in una ampia padella con un po’ d’acqua, lo spicchio d’aglio e il cipollotto tritato. Aggiungere il sale. Appena le fave sono cotte aggiungere il guanciale tagliato a tocchetti e un ‘filo’ di olio extravergine di oliva. Soffriggere dolcemente e aromatizzare con una macinata di pepe nero e qualche fogliolina di basilico. Quando i vari ingredienti sono ben amalgamati spegnere il fuoco, prendere un po’ del preparato e frullarlo nel mixer in modo da formare una crema.

Pasta Impiattata
Il piatto pronto per essere servito in tavola

Dopo aver cotto gli spaghetti (volendo si possono utilizzare anche altri tipi di pasta come le mezze maniche rigate) in abbondante acqua salata, scolarli e passarli padella per unirli al composto precedentemente cotto. Aggiungere la crema passata nel mixer e amalgamare il tutto. Impiattare e servire gli spaghetti ancora fumanti e con una bella grattugiata di pecorino.

Cucina tipica: pasta e fave, ricetta povera ma buona ultima modifica: 2020-05-30T08:32:10+02:00 da Maria Scaramuzzino
To Top