CULTURA EVENTI

La rosa nel bicchiere, un premio made in Lamezia

le terme caronte di lamezia

“La rosa nel bicchiere”, un premio per chi tiene alto il nome di Lamezia nel mondo. Il riconoscimento è stato assegnato alle Terme Caronte nel corso della manifestazione culturale “Liriche, note e sotto le stelle di San Lorenzo” voluta dall’associazione culturale ‘San Nicola’ di Pino Morabito. Il premio ideato dal direttore artistico Maria Scaramuzzino, omaggia un grande autore della letteratura italiana del Novecento: il poeta lametino Franco Costabile.

Omaggio a Franco Costabile

La rosa nel bicchiere” è una celebre poesia che Costabile ha pubblicato nel 1961; i suoi versi hanno fatto da filo conduttore alla serata evento svoltasi a Caronte, con un ottimo riscontro di pubblico e di critica.

la rosa - Le Rose Nel Bicchiere assegnate e caronte
I premi ‘La rosa nel bicchiere’

I premi, realizzati dall’orafo lametino Eugenio Rocca, consistono in una rosa cesellata su lastra d’argento e cristallo, poggiata su una pietra volutamente grezza. Una base forte e aspra che simboleggia le contraddizioni della terra calabrese da cui comunque riescono a emergere grandi talenti

La rosa nel bicchiere, quando le diverse forme d’arte diventano poesia

Il riconoscimento “La rosa nel bicchiere” è stato assegnato a professionisti, lametini e non, che riescono a sublimare la loro arte in poesia. I tre premiati della prima edizione sono stati lo stilista Anton Giulio Grande, il tenore Leonardo Caimi, la manager internazionale Daniela Rambaldi. Grande e Caimi, un fashion style e un cantante lirico, due artisti lametini che, nei rispettivi ambiti, si sono affermati a livello mondiale.

un momento della manifestazione lametina
Un momento della manifestazione svoltasi alle Terme Caronte

Un premio a chi esporta lametinità

Daniela Rambaldi è lametina d’adozione: suo padre Carlo Rambaldi, ‘mago’ degli effetti speciali e tre volte Premio Oscar, ha vissuto gli ultimi anni della sua vita proprio nella cittadina calabrese. La manager è rimasta in Calabria dove continua a promuovere percorsi formativi destinati alle giovani generazioni.

 la rosa - Pubblico Presente all'evento
Il numeroso pubblico presente all’evento culturale

“Può essere poesia un abito di alta moda così come può risultare poetica l’aria di una famosa opera lirica magistralmente eseguita da una grande voce tenorile – spiega il direttore artistico dell’evento Maria Scaramuzzino –  Poesia vuol dire anche operare a favore dei giovani per la sana crescita di un territorio difficile e complesso come quello calabrese”.

Daniela Rambaldi e l’impegno a favore delle giovani generazioni

Dopo la scomparsa del suo papà nel 2012, Daniela Rambaldi ha scelto di rimanere a Lamezia, pur continuando a mantenere la sua attività imprenditoriale a Los Angeles. La manager continua a far conoscere l’ingegno e l’opera paterna con iniziative di alto livello come progetti realizzati nelle scuole, mostre, workshop e tanto altro ancora.

La Rosa data a rambaldi
Daniela Rambaldi premiata da Emilio Cataldi ed Eugenio Rocca

La Fondazione Rambaldi infatti, opera incessantemente per la promozione socio-culturale delle giovani generazioni, anche in un territorio ancora purtroppo ostico e problematico come quello della Calabria.

Anton Giulio Grande, da oltre vent’anni nell’olimpo della moda

Il famoso couturier lametino da oltre vent’anni veste donne di successo come le celebrity del jet set, manager di alta finanza, teste coronate, attrici e show girl. Anton Giulio Grande è partito da Lamezia ancora ragazzino inseguendo il sogno di diventare stilista.

il premio assegnato allo stilista
Cristina Cataldi e Luigia Spinelli premiano Anton Giulio Grande

Ha perfezionato continuamente i suoi studi riuscendo a creare modelli unici e inconfondibili. Abiti caratterizzati da pizzi, pietre preziose e seducenti trasparenze, frutto di un certosino lavoro sartoriale. Capi che incontrano sempre più i gusti e le tendenze della donna moderna e che consacrano Anton Giulio Grande come maestro di stile e di raffinata eleganza.

Leonardo Caimi, un talento riconosciuto dai melomani di tutto il mondo

L’artista lametino si è prima laureato in filosofia; in seguito si è diplomato in clarinetto e canto al conservatorio di Messina. La sua carriera è costellata di prestigiose esibizioni nelle opere liriche più famose, unitamente alla partecipazione ad eventi musicali di valenza internazionale. Nel 2006 ha debuttato al Teatro alla Scala eseguendo la ‘Petite Messe Solennelle’.

La Rosa - Caimi premiato a caronte
Leonardo Caimi ringrazia il pubblico per il premio ricevuto

Sono solo alcuni dei momenti importanti della carriera del tenore lametino che, nei mesi scorsi, ha trionfato alla Royal Opera House del Covent Garden di Londra. L’artista ha interpretato il ruolo di Don Josè nella Carmen di Bizet. Il pubblico londinese ha osannato Caimi così come avviene ormai in tutti i teatri del mondo ogni volta che il tenore italiano si esibisce, mandando in visibilio il pubblico dei melomani.

Leonardo caimi a caronte
Il tenore mentre si esibisce alle Terme Caronte

 Anche a Caronte Caimi ha incantato i numerosi presenti eseguendo due famosi brani della tradizione musicale napoletana: “Dicitincello vuje” e “O sole mio”. Due interpretazioni magistrali premiate dai lametini con una appassionata e calorosa standing ovation.

Anna Colistra

Autore: Anna Colistra

La curiosità che mi spinge a scrivere è la stessa che mi ha portato a laurearmi in filosofia. Mi piace raccontare con le parole, ma anche con le immagini e con la danza. Nell’abbraccio del tango ho trovato un’altra forma di espressione che mi apppassiona, dove dimora la parte più libera di me stessa. Giornalista pubblicista e girovaga impenitente: macchina fotografica e taccuino (resto legata a carta e penna!) sono i miei compagni di viaggio.
La rosa nel bicchiere, un premio made in Lamezia ultima modifica: 2019-08-13T10:32:02+02:00 da Anna Colistra

Commenti

To Top