I LAMETINI RACCONTANO LAMEZIA TERME

itLameziaTerme

CULTURA EVENTI

Biblioteche e lettura, investire per cambiare rotta

Biblioteche Tavolo

Se si promuove la lettura, crescono anche le biblioteche. Si crea domanda sociale e si arricchiscono le politiche culturali.  E’ quanto detto in apertura del convegno “La promozione della cultura per il futuro delle biblioteche calabresi” che si è tenuto al Caffè Letterario del chiostro di San Domenico a Lamezia Terme. Presente Vincenzo Santoro, responsabile del settore cultura per l’Anci. Al tavolo anche Antonio Curcio, presidente per la Calabria dell’Associazione Italiana Biblioteche, e Giacinto Gaetano, responsabile del Sistema Bibliotecario Lametino. Al dibattito hanno partecipato anche il sindaco Paolo Mascaro e Giorgia Gargano, assessore comunale alla Cultura. Un confronto approfondito e molto partecipato. Tanti gli insegnanti delle scuole lametine come l’Istituto comprensivo Borrello-Fiorentino e Don Milani. Illustrato il progetto Città che legge collegato al Patto Locale per la Lettura del 2018 i cui promotori sono il Comune, il Sistema Bibliotecario Lametino e la Fondazione Trame.

Santoro (ANCI): “Biblioteche calabresi poco frequentate”

Vincenzo Santoro al convegno sulle biblioteche
Vincenzo Santoro (ANCI)

L’Italia continua a posizionarsi in fondo al ranking della lettura a livello europeo, ha sottolineato Santoro. L’Istat ci dice che nel 2018, solo il 40,6% degli italiani ha letto almeno un libro. Il Sud è fanalino di coda del Paese dove la percentuale scende al 26,7%. Il dato più allarmante, ha indicato il responsabile Anci, riguarda le biblioteche. In Calabria sono frequentate solo dall’8% della popolazione. A questo bisogna aggiungere alcune problematiche tipiche della Calabria. Santoro ha evidenziato che “il turnover o comunque i tagli ai finanziamenti hanno reso difficile la formazione dei dipendenti comunali che solitamente vengono spostati alle biblioteche. Queste poi tante volte sono affidate ad associazioni o proloco che fanno sì un lavoro utile, ma un sistema ben fatto deve essere indubbiamente pubblico”.

Convegno sulle biblioteche a lamezia
Convegno sulle biblioteche nella sala polivalente del Chiostro Caffè Letterario

Con il Fondo Nazionale per la promozione della lettura, istituito con la legge di stabilità 2018, sono state stanziate risorse per promuovere l’iniziativa la Città che legge. Lo scorso anno sono stati erogati 900 mila euro che hanno permesso di finanziare almeno 29 progetti, favorendo maggiormente i piccoli Comuni. Tanti quelli del Sud come Rosarno che ha presentato la proposta più bella. Nella nuova legge sulla cultura previsto anche il Patto per la lettura e l’istituzione della Capitale Italiana del Libro, che verrà scelta ogni anno e riceverà un finanziamento di 500 mila euro da destinare a nuovi progetti.

Giovani nelle biblioteche
Lettori in biblioteca

Ma manca purtroppo ancora il piano attuativo. Previsto anche un fondo da 1 milione di euro per formare il personale, “perché biblioteche senza bibliotecari formati non funzionano”. Istituito pure l’Albo delle Librerie di Qualità e introdotta una card da 100 euro per l’acquisto di libri per le famiglie più disagiate. “La legge sulla promozione della cultura – ha ribadito Santoro – ha portato innegabili vantaggi come l’estensione del tax-credit ma resta ancora insoddisfacente la dotazione finanziaria”.

Curcio (AIB): “Risorse per formare i bibliotecari”

Antonio Curcio (AIB) all'incontro sulle biblioteche
Antonio Curcio (AIB)

Ha poi preso la parola Antonio Curcio che ha illustrato l’attuale situazione della Calabria dal punto di vista normativo, ricordando che anche alle ultime elezioni la sezione regionale dell’AIB ha lanciato un appello per chiedere alla politica un serio e costruttivo impegno a sostegno delle biblioteche pubbliche e contrastare la diffusa “povertà educativa”. Per il presidente regionale dell’AIB, “manca una visione chiara delle politiche atta a svecchiare la cultura in Calabria e il ruolo che oggi le biblioteche pubbliche possono svolgere per migliorare la qualità della vita e riqualificare le aree più degradate”. La Calabria è ferma alla legge regionale del 1985, che risolve alcune criticità ma resta incompleta perché da oltre dieci è priva di risorse finanziarie.

Nelle biblioteche il patrimonio delle opere antiche

“Il funzionamento ordinario delle biblioteche – ha rilanciato – non può essere garantito, come fatto nell’ultimo biennio, dallo stanziamento di fondi straordinari. Insufficienti del resto per le istituzioni maggiori come le biblioteche storiche”. A riguardo Curcio ha posto l’attenzione su un’importante criticità: la Calabria ha un patrimonio notevole di opere antiche di cui non è mai stato realizzato un censimento o avviata la digitalizzazione dei cataloghi. “Eppure – ha sottolineato – si tratta di risorse preziose che potrebbero essere messe a bilancio dei Comuni”.

Interno di una Biblioteca
Interno di una biblioteca

Curcio ha tenuto a sottolineare un altro aspetto fondamentale: la formazione. “Sono necessari interventi di riqualificazione per la professione del bibliotecario, proponendo corsi di formazione”. Come è altrettanto importante “indire concorsi pubblici per l’assunzione di bibliotecari formati viste le tante biblioteche sguarnite di figure professionali adeguate”. Senza tralasciare di “promuovere un piano di incentivazione alla lettura, a partire dai minori, anche con interventi nelle scuole, con la collaborazione di bibliotecari e pediatri, prevedendo il finanziamento della Legge regionale n. 35/2019”. Norma appena varata dal Consiglio Regionale ma senza risorse. Bisogna, ha infine concluso Curcio, mettere con una urgenza in cantiere un Testo Unico della Cultura, che raccolga tutte le disposizioni finora varate.

Gargano: “Realizzeremo un archivio storico”

Giorgia Gargano
L’assessore alla Cultura Giorgia Gargano

L’assessore Giorgia Gargano ha espresso grande soddisfazione per la partecipazione di Lamezia Terme al progetto Città che legge. Ha informato che il Comune ha aderito con tre progetti all’ultimo bando regionale sulla cultura. Il primo riguarda le dotazioni tecnologiche come l’acquisto di uno scanner a colonna per digitalizzare i libri antichi. Il secondo prevede l’apertura di cinque Bibliopoint. Il terzo è un progetto di grande vocazione. Prevede l’apertura a pianoterra di palazzo Nicotera di un archivio storico. “Un presidio – ha detto Gargano – che sancirà l’unione dei tre Comuni con la raccolta di tutti i documenti catastali. Si tratta del ritrovamento di alcuni documenti molto antichi (alcuni risalgono al 1818) che rappresentano un vero tesoro e che potrebbero essere museizzati.

Documenti dell'archivio storico di Sambiase
L’illustrazione dei documenti dell’archivio storico di Sambiase

“Il nostro Comune – ha detto con soddisfazione – può contare su una realtà, quella di Palazzo Nicotera dove è ubicata la biblioteca, che è ormai un centro di aggregazione per i giovani e dove si alimenta il senso della cultura”. Gargano ha riservato un plauso anche agli istituti comprensivi che “conducono un lavoro silenzioso ma importante”. Un esempio tra gli altri è l’IC Borrello-Fiorentino che può vantare una biblioteca multiculturale. L’assessore ha anche ammesso le grandi difficoltà finanziarie di questa amministrazione ma ha riconosciuto il grande lavoro svolto per la Casa del libro Antico. “Il libro – ha detto l’assessore in chiusura del suo intervento – può salvarci dall’odierna follia collettiva. Dalla disgregazione sociale”.

Gaetano (SBL): “Sinergie per far crescere la lettura”

Giacinto Gaetano (SBL)
Giacinto Gaetano (SBL)

Nel 2019, ha informato Gaetano, Lamezia Terme è stata dichiarata la prima Città che legge tra le grandi città della Calabria. Grazie a questo riconoscimento, già ottenuto nel 2017 e nel 2018, il Comune ha potuto partecipare a un bando per la realizzazione di attività integrate alla promozione del libro e della lettura, arrivando terzo nella graduatoria nazionale. Il progetto presentato, che prende il nome di “LiberaMente”, verrà finanziato con 50 mila euro destinati a una serie di biblioteche affinché contribuiscano a diffondere la lettura nei vari Comuni del lametino.

Casa Libro Antico Biblioteca
Casa del libro Antico

L’idea, ha spiegato il presidente del SBL, è quella di un messaggio culturale promulgato attraverso un’azione diffusa a largo spettro per la città di Lamezia e le aree limitrofe, con punti di biblioteche dislocate, i Bibliopoint, a partire dall’IC Fiorentino, il Chiostro e ancora il Civico Trame, la casa di riposo Tamburelli, e un quinto punto fuori dal territorio municipale, a Platania, nel Parco Avventura del Reventino. “Queste realtà – ha indicato Gaetano – si relazioneranno con altre importanti già operanti sul territorio come la biblioteca galleggiante del TIP Teatro o quella di opere musicali dell’AMA Calabria”.

Giacinto Gaetano (SBL)
eReader

“Altro elemento che aiuterà a diffondere una politica di lettura – ha aggiunto– è il Bibliobus, la biblioteca su ruote, che avrà la competenza di portare la lettura in giro per i vari comuni limitrofi del lametino”. Per il presidente del SBL, “scopo fondamentale è quello di creare una collettività educante, fatta di cittadini motivati, che favoriscono le attività di promozione della lettura. La lettura deve essere portata anche al di fuori delle biblioteche”.

Mascaro: “Puntiamo sui giovani per promuovere la cultura”

Il Sindaco Paolo Mascaro
Il sindaco Paolo Mascaro

Il sindaco si è detto emozionato per il lavoro di promozione culturale che si sta facendo in questa città anche grazie all’opera del Sistema Bibliotecario Lametino. Si sta contando soprattutto su tanta voglia di fare e poche risorse. Mascaro ha ribadito che “se si hanno radici, si cresce, altrimenti si vola via con la prima folata di vento”. Sulla lettura, bisogna invertire la rotta in questa regione. “Creiamo occasioni di innamoramento”, ha detto in conclusione dei lavori della giornata il sindaco. “Possiamo contare su una base giovanile culturalmente elevata, anzi direi di livello eccelso, che deve fare da traino a una parte di questa città che ancora sonnolenta”.

(Foto Raffaella Natale // Pixabay)

Biblioteche e lettura, investire per cambiare rotta ultima modifica: 2020-03-03T08:32:58+01:00 da Raffaella Natale

Commenti

To Top