Against Violence, perchè anche con i social media si può dire 'basta' alla violenza sulle donne - itLameziaTerme

itLameziaTerme

SCUOLA

Against Violence, perchè anche con i social media si può dire ‘basta’ alla violenza sulle donne

Concorso Maida

In occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“, il Cda Calabria Odv presieduto da Graziella Catozza ha ideato e promosso il concorso  “Against Violence”. Un’iniziativa formativa destinata agli alunni dell’Istituto Comprensivo di Maida, guidato dalla dirigente Sabrina Grande. I lavori realizzati dagli studenti sono stati presentati nella sala polivalente della scuola alla presenza del sindaco Galdino Amantea e di una nutrita rappresentanza della comunità scolastica.

Against violence

“Con il concorso – ha evidenziato la presidente Catozza – si è voluto avvicinare i ragazzi ai moderni mezzi di comunicazione, utilizzati per raccontare una tematica forte e di estrema attualità come quella della violenza di genere. Against Violence, dunque, ha voluto dar vita ad un percorso che ha unito il sociale e la comunicazione. L’obiettivo precipuo è quello di sensibilizzare gli alunni sull’inquietante fenomeno della violenza e degli abusi che, nel nostro Paese, registra vittime ogni giorno.

Uno dei lavori realizzati per il concorso Against Violence

A giudicare i lavori del concorso video social media “Against Violence” la commissione composta da: Angela Decio, assessore alla Cultura del Comune di Maida; Concetta Alessandro, deleghe Politiche per l’infanzia, diritti dei bambini e risorse educative del Comune di Polia. Giorgia Gargano, assessore alla Cultura del Comune di Lamezia Terme; Pasqualina Leuci, vicesindaco e assessore Politiche sociali del Comune di Cortale; Giuseppina Santoro titolare della emittente televisiva regionale EsseTV. A presiedere la Commissione giudicatrice, la giornalista Maria Scaramuzzino.

Musica, teatro, poesia

Le componenti della commissione giudicatrice hanno sottolineato la bontà dell’iniziativa che ha coinvolto ragazzi e ragazze nell’ottica di una ampia diffusione della cultura del rispetto reciproco, della parità di genere. I lavori realizzati dalle varie classi, tutti molto apprezzati dalla commissione, hanno rivelato la capacità degli alunni di riuscire a lavorare in gruppo. La capacità di strutturare le diverse storie con differenti modalità espressive: lo story –telling è stato declinato in musica, poesia, recitazione e altro ancora. Un caleidoscopio di idee che ha indotto alla profonda riflessione sulla complessa problematica. Alla presentazione dei video del concorso ha partecipato anche la docente Unical Simonetta Costanzo che ha plaudito all’impegno degli alunni, i quali hanno dimostrato di essersi informati adeguatamente sulla tematica usando la narrazione come denuncia del triste fenomeno.  

Catozza Essetv
Graziella Catozza con lo staff di EsseTv che diffonde i lavori realizzati dagli alunni della scuola

Molto soddisfatto anche il sindaco Amantea che si è complimentato con la presidente Catozza e con tutta la comunità scolastica. “La tematica trattata – ha ribadito il primo cittadino – è una sfida da vincere insieme. Donna, vita, libertà, questa la lotta per ciascuno di noi”. “La violenza – ha asserito Costanzo – ha radici antiche. L’attività di sensibilizzazione verso questo fenomeno deve partire dalla tenera età e va iniziata nelle famiglie perché purtroppo la violenza di genere nasce fra le mura domestiche”. I lavori realizzati dagli alunni, sono trasmessi dall’emittente televisiva EsseTv e sono diffusi anche attraverso i canali social della scuola e del Cda Calabria Odv.

Against Violence, perchè anche con i social media si può dire ‘basta’ alla violenza sulle donne ultima modifica: 2022-11-27T09:27:39+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x